Il DL 12 gennaio 2019 n. 14 “Codice della crisi d’impresa  e dell’insolvenza”, introduce la c.d. Riforma Fallimentare, sulla prevenzione e risoluzione di crisi d’impresa. Le novità più innovative entreranno in vigore il 15 agosto 2020, mentre alcune modifiche al codice civile sono già entrate in vigore passati 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019.

Uno tra gli scopi della riforma è infatti quello di evitare che il ritardo nel percepire i segnali di crisi di un’impresa possa poi portare ad uno stato di crisi irreversibile. Il Codice ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali, con le seguenti principali finalità:

a) riordino della disciplina legata alla crisi e all’insolvenza, con la costituzione di una normativa unitaria che sostituisse l’attuale Legge Fallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267)
b) consentire una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese, attraverso l’adozione da parte delle imprese di misure idonee e di un assetto organizzativo adeguato (art. 2086 del codice civile) per la rilevazione delle situazioni di crisi e l’adozione tempestiva delle opportune iniziative;
c) salvaguardare la continuità delle imprese, attraverso l’avvio del processo di ristrutturazione nella fase di inizio della crisi;
d) demandare agli Organismi di Gestione della Crisi dell’Impresa (OCRI) il processo di gestione della crisi.

La riforma prevede le seguenti modifiche alla legge fallimentare:

1)si sostituisce il termine fallimento con l’espressione “liquidazione giudiziale”;

2)si introduce un sistema di allerta allo scopo di consentire la pronta emersione della crisi, nella prospettiva del risanamento dell’impresa e si dà priorità alla continuità aziendale favorendo proposte che comportino il superamento della crisi;

3)si privilegiano, tra gli strumenti di gestione delle crisi e dell’insolvenza, procedure alternative a quelle dell’esecuzione giudiziale;

4)si semplificano le disposizioni in materia concorsuale;

5)si prevede la riduzione dei tempi e dei costi delle procedure concorsuali;

6)si istituisce presso il Ministero della Giustizia un albo dei soggetti destinati a svolgere su incarico del tribunale funzioni di gestione o di controllo nell’ambito di procedure concorsuali, con l’indicazione dei requisiti di professionalità esperienza e indipendenza necessari all’iscrizione;

7)si armonizzano le procedure di gestione della crisi e dell’insolvenza del datore di lavoro con forme di tutela dei dipendenti.

La nuova norma pone a carico di diversi soggetti coinvolti (Amministratori, Collegio Sindacale, Società di Revisione e creditori pubblici qualificati) precisi obblighi e responsabilità al fine di garantire la tempestiva gestione della crisi di impresa.

Gli obblighi in capo alla società posti dalla nuova norma sono:

  • adozione di strutture organizzative adeguate

  • strutturazione di un processo di reporting e di monitoraggio, improntati in ottica di tipo prospettivo (forward looking)

  • costantemente monitoraggio del going concern, e degli indicatori di crisi di tipo prospettico

  • vigilanza del Collegio Sindacale e Società di Revisione

  • obblighi di segnalazione (interna e esterna) agli organi creditori pubblici qualificati al superamento di determinate soglie di esposizione

  • gestione della crisi aziendale tramite gli OCRI istituiti presso le camere di commercio.

Lo Studio Commercialisti Modena & Partners è al fianco delle imprese per aiutarle nel percorso di adeguamento alla nuova normativa con un approccio proattivo che permetta un’adozione efficace ed efficiente sia nell’attività di advisory (predisposizione di business plan, analisi degli assetti organizzativi, calcolo degli indicatori della crisi) che di audit (revisione contabile e assunzione di incarichi di revisore unico o membri del collegio sindacale).

Grazie alla partnership con Prometeia, lo Studio è in grado di offrire servizi di business planning con metodologie di analisi predittiva. 

I professionisti dello Studio specializzati nella crisi di impresa, assistono l’azienda in tutto il processo di risanamento del debito, avvalendosi degli strumenti previsti dalla legge.

 

Per maggiori informazioni i professionisti dello Studio esperti della gestione della crisi di imprese sono a disposizione.

Contattare il dott. Daniele Serra e dott. Luca Rossini.
 

Dove siamo
Contatti

 

41126 Modena, Italia

Strada delle Fornaci n° 20


T: +39 059 29 20 911
F: +39 059 34 66 43​


studio@studiocommercialistimo.it

Partner
C.F./P.Iva 00768390361

© 2023 by The Agency.Proudly created with Wix.com